it
Language
Italiano
  • Deutsch
  • English
  • Español
  • français
  • Italiano
  • Português
Currency
    Carrello (0)


    Sassella DOCG 2018 Fratelli Triacca 0,75 L

    Fratelli Triacca

    Prezzo di listino €11,90

    Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

    DESCRIZIONE:

    Colore: rosso rubino, tendente al granata con l'invecchiamento.
    Profumo: ricco, ampio, vivo nei sentori di frutta, diventa complesso con l'età.
    Sapore: pieno, corposo, armonico, piacevole con tipico sentore di nocciola; vino di razza e completo.
    Alcool: 12,5°
    Uve: 100% Nebbiolo

    Tipo di vinificazione: classica delle uve Nebbiolo ed affinamento in botti di legno per circa 2 anni; stoccaggio quindi di un anno nell'acciaio inossidabile prima dell'imbottigliamento.

    Abbinamenti:  la sua vitalità lo rende ideale per carni rosse elaborate con cotture semplici (brasati), arrosto ai ferri, ma sa esaltare anche la carne di maiale. Si accompagna molto bene anche con formaggi di media stagionatura.

    Sassella: La storica e forse più famosa sottozona del Valtellina Superiore si estende tra il Comune di Castione Andevenno e il territorio ad ovest di Sondrio, capoluogo di provincia (114 ettari). Una zona impervia, ma molto soleggiata, il cui nome probabilmente deriva da quello del santuario mariano omonimo che sorge sulla scenografica rupe della Sassella. La zona  è ripidissima, ben ventilata e molto soleggiata. I minuscoli appezzamenti vitati sono letteralmente strappati alla roccia. 
    Il Caldo incamerato dalla roccia durante la giornata viene ceduto al tramonto alle uve circostanti, che, grazie a questo fatto, danno un vino ricco di aromi, pieno, di grande struttura e con abbondanze di tannini morbidi e delicati

     

    TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

    La Cantina Triacca  è un’azienda indipendente a conduzione familiare da ben quattro generazioni, fondata nel 1897. La sua storia è fatta di uomini e donne che lavorano con passione per garantire la Qualità dei vini a marchio «Triacca».

    "Tutti i nostri vini provengono dai vigneti di proprietà. Seguiamo attentamente tutte le fasi della produzione: dall'impianto all'affinamento, dalla potatura alla vendemmia, fino all'imbottigliamento dei nostri vini. Una garanzia dal 1897."

     Oggi la gestione dell’ azienda è nelle mani dei fratelli Giovanni e Luca, esponenti della quarta generazione. Luca è enologo e responsabile della produzione vinicola. Giovanni dirige la casa madre e segue l'importante mercato svizzero. Ad affiancarlo c’è sempre l'affezionato zio Rino, la 'vecchia guardia' che accoglie ancora i visitatori a La Gatta con la sua nota amabilità e passione.

    Già negli anni Settanta la Cantina comincia a migliorare la qualità delle sue uve.

    A questo scopo viene studiata una selezione rigorosa di vitigni Nebbiolo, allo scopo di ottenere elevati valori di glicerina ed estratti, tannini ricchi e armonicamente integrati, nonché colore rosso più intenso. I filari, piantati con le nuove viti selezionate, contano ora 7500 ceppi per ettaro - più di prima, ma con meno uva per pianta. Ne risulta una qualità migliore ma una resa più bassa.

    Le uve vengono lavorate in cantine all'avanguardia in fatto di tecnica di vinificazione. Gran parte del legno è stato sostituito dall'acciaio inossidabile. Il controllo della temperatura è parte integrante della lavorazione. Per l'affinamento e l'evoluzione dei nostri vini migliori utilizziamo legno nuovo sotto forma di carati (botticelle) da 225 e 500 litri.

     

     LA STORIA DELLA CANTINA

    Verso la fine del 19. secolo Domenico Triacca commercializza vini di Valtellina in Valposchiavo (Grigioni, Svizzera), ma è un uomo ambizioso e vuole produrre autonomamente il nobile nettare con la propria uva. Nel 1897 acquista 2000 metri quadrati di vigneto nella zona della Valgella in Valtellina. Questo avvenimento rappresenta la svolta vera e propria per la fondazione di una delle più importanti case vitivinicole della Valtellina. Purtroppo nel 1910 Domenico Triacca muore in un incidente durante un trasporto di vino lungo il Lago di Poschiavo. Le redini della giovanissima attività passano nelle mani della moglie Orsola e in seguito in quelle del più solerte dei cinque figli, Eugenio: lungimirante, scrupoloso, determinato e noto uomo di successo.

    Negli anni Cinquanta il nostro mercato si sviluppa fino all’Engadina, con la vendita di vino sfuso trasportato in barili di legno. Dopo la Seconda Guerra Mondiale si passa ai vini in bottiglia a favore della qualità, dello stoccaggio e per soddisfare il gusto dei consumatori. In funzione del mercato svizzero viene costruito anche l’impianto d’imbottigliamento in Svizzera, a Zalende, a sud di Poschiavo. L’acquisizione di un proprio deposito a Coira permette di curare e conquistare l’importante mercato nel Grigione settentrionale dominato dai commercianti locali. Grazie a questo successo l'azienda può investire i guadagni in nuove vigne. In quel periodo la famiglia ne possiede già 28 ha. Negli anni Sessanta subentra la terza generazione: Gino (abile commerciale), Domenico (tecnico ambizioso) e Rino (organizzatore scrupoloso). Al loro fianco l'immancabile zio Eugenio con la sua esperienza e il suo carisma.

    Il 1969 è una pietra miliare per la storia della casa vinicola Triacca. Grazie all’acquisto della meravigliosa Tenuta La Madonnina, nel Chianti Classico, quindi nel cuore della Toscana, si realizza una diversificazione a lungo ponderata. Nello stesso anno viene acquistata la perla della viticoltura valtellinese, l’ex convento domenicano La Gatta a Bianzone, con i suoi 13 ha di superficie vitata, messo in vendita del tutto inaspettatamente dalla casa vinicola Mascioni.

    Gli anni Novanta sono caratterizzati dall’espansione nel sud della Toscana, con l’acquisto della Tenuta Santavenere a Montepulciano, ma anche dall’integrazione della quarta generazione: Giovanni, responsabile per il mercato svizzero, e Luca, direttore tecnico per le tre aree di produzione.